“GIFT – solidale in un click”

Nel mese di Ottobre le classi quinte dell’indirizzo Socio Sanitario hanno partecipato al concorso fotografico: “GIFT – solidale in un click”, indetto dalla Fondazione Comunitaria della Provincia di Lodi. Tema del concorso: “ Il dono”. Ai ragazzi è stato chiesto di immortalare momenti della quotidianità che secondo il loro parere personale testimoniavano un atto di generosità, sia reale che astratto, veritiero o ricreato. Le classi coordinate dalla docente di arte Carossa, hanno svolto l’incontro preparatorio con il fotografo Alberto Prina del Gruppo Fotografico Progetto Immagine, e Chiara Severgnini rappresentante la Fondazione Comunitaria. Tante sono state le fotografie scattate dalle classi coinvolte, ma l’alunna Jessica Norio di 5^Css (foto sotto) ha avuto la meglio e si è aggiudicata il secondo premio con la foto intitolata “Tutto nasce, tutto muore ma nulla va distrutto”, vincendo un corso di fotografia presso il Gruppo Fotografico Progetto Immagine di Lodi.

2017-09-29-PHOTO-00000014

Jessica Norio – “Tutto si crea, tutto muore ma nulla va distrutto”

Le alunne Elena Cattaneo e Giulia Rotunno di 5^Bss con le foto “Il Dono dell’amicizia” e “Il Dono della vita”, sono invece state selezionate e, insieme alla vincitrice, hanno avuto la possibilità di vedere esposte le loro fotografie all’interno nel circuito del Festival della Fotografia Etica della città di Lodi. Una bella soddisfazione!

10173803_1507166509531951_5138834530536100297_n

Giulia Rotunno – “Il Dono della vita”

12189643_1643660049215929_5454219538580614792_n

Elena Cattaneo – “Il Dono dell’Amicizia”

IMG_4519

Rivisitazione simpatica della foto “Il Dono dell’Amicizia”

La classe vincitrice 5^Css ha avuto inoltre la possibilità di partecipare, nella mattinata del 21 ottobre, al convegno “E tu, lo sai chi è un Filantropo?” (nella foto sotto il manifesto e gli attestati) svoltosi nel Palazzo della Provincia di Lodi e all’interno del quale è stata inaugurata la mostra fotografica, consegnati gli attestati di partecipazione e i premi del concorso.

Locandina Giornata filantropia 70 x 100 _ DEF

L’iniziativa è stata molto positiva ed è riuscita a rendere visibile, attraverso lo sguardo fotografico, la sensibilità che i nostri alunni dell’indirizzo socio-sanitario hanno nei confronti della società e delle persone.

Alessandro Mattiolo 2^Cat

     BUFFET MULTIETNICO

Anche gli studenti dell’Istituto Einaudi hanno partecipato alla IV edizione del Caleidoscopio Fest i colori della mente, quest’anno dedicato al tema dell’incertezza. La classe 3^A Sala e Vendita, indirizzo inaugurato proprio quest’anno, e alcuni studenti della classe 3^A Accoglienza Turistica hanno organizzato e allestito il buffet etnico per la Cooperativa Famiglia Nuova di Lodi, che da anni si occupa di coloro che si sentono stranieri nel loro paese e che proprio a loro ha dedicato il pomeriggio e la serata di giovedì 12 presso l’Oratorio San Bernardo. I ragazzi dell’Istituto Einaudi, guidati dai professori Michele Guerriero, Emilia Greco e Mafalda Ferrante, hanno organizzato tutto, dall’accoglienza dei partecipanti al buffet di sapori dal mondo.

Tre giornate di intenso lavoro: durante i primi due giorni, i ragazzi si sono dedicati alla preparazione del banchetto multietnico dalle ore 8.00 alle 13.00, mentre il terzo giorno hanno allestito la sala di ricevimento e la mise en place delle vivande. Il buffet, aperto al pubblico alle 19:30, ha previsto numerose portate: tapas con varie salse, polenta con raspadüra e luganega, pollo al curry e curcuma, peperoni gratinati, pizza e tortino al cioccolato. Il pubblico ha decisamente gradito il buffet tanto che è rimasto in compagnia dei nostri compagni fino alle 22:30. Sul Il Cittadino, giornale locale, è stato anche pubblicato un bellissimo articolo di ringraziamento scritto da Mariarosa Devecchi:

Gentile Direttore,
Le chiedo uno spazio sul Suo giornale per far arrivare i ringraziamenti di Famiglia Nuova a chi giovedì ci ha permesso di offrire alle persone che hanno accolto il nostro invito un pomeriggio e sera speciali.  Mi riferisco alla proposta che Famiglia Nuova ha inserito in “Caleidoscopio fest 2017” che si è svolta giovedì presso l’oratorio di San Bernardo.
Il tema di quest’anno, come saprà, è stato “l’incertezza” e la nostra cooperativa ha scelto di declinare questo stato d’animo che accompagna tutti noi, riflettendo su quanta incertezza che si porta dietro chi deve lasciare il proprio paese, la famiglia, gli amici e tutto il proprio mondo per cercare una vita migliore o possibile.
“Viaggiattori nell’incerto” era il titolo del nostro evento , e le due “T” non sono un errore di battitura ma il significato profondo del protagonismo e dello sforzo di ciascuna persona che, in questa situazione deve trovare un nuovo equilibrio.
Ci è sembrato utile entrare nel merito e capire qualcosa in più, per poter avere anche qualche chiave di lettura utile a migliorare il nostro fare quotidiano. Gestiamo infatti alcune accoglienze sul territorio e due SPRAR, uno per adulti a Crespiatica e uno, in collaborazione con altre realtà, in Lodi per minori stranieri non accompagnati.
In questo percorso ci hanno accompagnati: Raffaella Bianchi che ci ha raccontato del perché ha scelto di scrivere tante storie di migranti che lei ha incontrato ad uno ad uno e Aboubacar che ci ha regalato la sua storia.
Il Dott. Roberto Bestazza, psicologo e psicoterapeuta di Terre Nuove, che ci ha portato l’esperienza e gli sguardi di chi da anni cura e accompagna i malesseri di persone provenienti da altri mondi e culture sospendendo il giudizio per poter incontrare l’altro.
Marcela Serli, attrice protagonista del monologo “Me ne vado”, un pezzo di teatro coinvolgente che, a partire dalla storia della sua famiglia, ci ha portato in un viaggio del mondo nella storia passata e recente facendo emergere le contraddizioni e le violenze che si ripropongono nel tempo e in ogni luogo.
A tutti loro il nostro grazie per averci regalato spunti, riflessioni e suggestioni preziosissime.
Ma non sarebbe stato tutto così piacevole se non ci fossimo sentiti “a casa” anziché “ospiti” grazie alla grande disponibilità di Don Guglielmo che ci ha messo a disposizione gli spazi necessari a realizzare l’evento, compresa la cucina supervisionata dal Signor Mario Occhiuto, infine un grazie veramente di cuore ai ragazzi delle classi terza del corso alberghiero dell’Istituto Einaudi che hanno accolto e guidato le persone nel percorso proposto con grande professionalità ed ai ragazzi del corso di cucina che hanno preparato un menù etnico stellato! Bravi tutti davvero e preziosi, hanno reso gradevole e leggero il tutto con grande professionalità.
Naturalmente un ringraziamento a chi li ha guidati ed ha favorito questo incontro a partire dal Preside professor Terracina e ai professori Guerriero per i cuochi, Greco per servizio in sala, e Ferrante per accoglienza turistica.

Un caro saluto a Lei e il nostro grazie per la disponibilità che sempre manifesta verso la nostra Organizzazione.

Mariarosa Devecchi, Lettere e opinioni, “il Cittadino”, 16 ottobre 2017, p. 17.

Possiamo dire: ottimo lavoro ragazzi!

Riccardo Cortivo & Samuel Kristo 2^Cat

FAI CAMMINARE LA PACE

Il giorno 7 ottobre 2017 alcune classi dell’Istituto Einaudi hanno partecipato alla 9^ Marcia della Pace del lodigiano.

Untitled1

Alle ore 8:45 gli studenti delle classi 2^Cat, 3^Css, 1^Bss si sono trovati con i docenti Carossa, Gramegna, Risino, De Caro, Quinto, Cabrini e Vinci, davanti alla stazione di Lodi per poi recarsi presso la scuola elementare “Arcobaleno”, punto di ritrovo per tutti i partecipanti. Alle ore 9:30 il corteo è partito per sostenere la pace sfilando attraverso le vie della città lungo un tracciato di quasi 10 km fino ad arrivare a piazzale Matteotti. La prima tappa ha previsto la donazione di beni alimentari presso il punto di raccolta situato nel piazzale della chiesa di S.Fereolo.

Vicino a Piazza Martiri della libertà si è tenuto un momento di preghiera interreligioso con la presenza di un Imam, del parroco e del padre degli Ortodossi Romeni. Sono state liberate dalle gabbie, delle colombe come gesto simbolico di Pace e libertà.

IMG_1053

La nostra scuola ha preparato due bellissimi e coloratissimi striscioni che potete ammirare  nelle foto sotto:

Questa iniziativa è stato un modo per dire “BASTA” alle guerre che ci sono nel mondo. Speriamo che abbia suscitato qualche domanda e spunti di riflessione nelle persone che ci hanno visto sfilare come un serpentone colorato per le vie della città. La Pace è uno fra  i tanti valori che noi come alunni condividiamo e sosteniamo all’interno del nostro Istituto.

IMG_1067.JPG

Sul sito della scuola potete visualizzare il breve video che racconta questa bellissima giornata.

Lara Strecapede e Aurora Pighi – 2^Cat